Costruzione di una pompa idraulica a Mwlire
Alimentazione
Rwanda

Costruzione di una pompa idraulica a Mwlire

Costruzione di una pompa idraulica a Mwlire
Costruzione di una pompa idraulica a Mwlire

Il contesto

Il terribile genocidio del 1994 ha lasciato il Paese in una grave situazione di indigenza.Il Rwanda è uno dei Paesi più poveri al mondo, dove un gran numero di bambini è affetto da malnutrizione e denutrizione. La maggior parte della popolazione di Mwlire è composta da vedove e bambini orfani. Per attingere all’acqua gli abitanti dovevano percorrere lunghe distanze e, a causa di ciò, molti bambini non frequentavano la scuola.

Il progetto

L'Associazione Insieme per la Pace, da anni, è attiva in Rwanda, allo scopo di aiutare la popolazione a risollevarsi. Dal 2011 a oggi, si è dedicata alla costruzione di 58 pompe idrauliche a energia solare nel distretto di Nyagatare, al fine di migliorare le condizioni di vita delle comunità che abitano i nuovi villaggi della savana.
Nel 2008 è stato terminato, grazie all'acquisto da parte di Epsilon di due pompe, un acquedotto a Mwlire, regione alla periferia di Butare in Rwanda.

Il progetto ha permesso di portare l'acqua a una popolazione di circa 54.000 persone, riducendo le malattie epidemiche e contribuendo allo sviluppo socioeconomico della zona e migliorando dunque le condizioni igienico-sanitarie della popolazione e di favorirne lo sviluppo economico e rurale. In particolare, la vicinanza alle fonti idriche permette ai giovani di frequentare la scuola e l'intera comunità può godere di un netto miglioramento delle proprie condizioni di vita.
Nello specifico, la costruzione di una singola pompa idraulica a energia solare permette il sostentamento di circa 3.000 persone, abitanti dell'area circostante.
Non solo garantisce loro la fornitura di acqua per la sopravvivenza e un'adeguata alimentazione, ma anche la tutela di migliori condizioni igienico-sanitarie e l'approvvigionamento per le colture e gli allevamenti.
La vicinanza alle fonti idriche garantisce, inoltre, un miglioramento delle generali condizioni di vita, riducendo i tempi di spostamento e permettendo ai più giovani di dedicare più ore alla scuola.

La gestione del progetto è stata affidata ai diretti beneficiari, coinvolgendo soprattutto le donne, veri pilastri della società africana. L'amministrazione dei fondi è stata sostenuta da Emmanuel Munyampirwa, un volontario ruandese di Insieme per la Pace.

Area di intervento: #istruzione
img